Come Usare i Pivot Points Nel Trading

Nell’analisi tecnica sentiamo spesso parlare di livelli di supporto e resistenza che non trovano poi alcun riscontro sul grafico. Ma qual è l’origine di questi valori? E perché ci si aspetta un determinato valore dei prezzi come supporto alle quotazioni in calo?

Per trovare i livelli di supporto e resistenza, i trader più esperti utilizzano quelli che vengono comunemente chiamati Pivot Points. Questi sono dei potenziali livelli di supporto o resistenza calcolati tramite formule matematiche derivate da tre valori riguardanti il periodo precedente: il prezzo massimo (High), il prezzo minimo (Low) e il prezzo di chiusura (Close).

Il termine “periodo precedente” si riferisce al fatto che possono essere calcolati su diversi timeframe, anche se i più comuni e utilizzati sono i pivot points giornalieri e quelli settimanali.

Come Usare i Pivot Points Nel Trading

L’utilizzo dei punti pivot è particolarmente utile a chi fa trading nel breve termine e va alla ricerca dei piccoli movimenti di prezzo. Quando un prezzo si avvicina al pivot point, molte volte rimbalza o comunque esita. Ad ogni modo, funzionano meglio in mercati molto volatili e liquidi, quindi sono ideali per il forex trading.

Ma la ragione principale per cui funzionano così bene nel forex è che possono essere utilizzati come una misura importante di forza o debolezza di una coppia di valute (leggi anche Le Migliori Coppie di Valute nel Forex Trading). I pivots possono anche essere campi o canali di trading estremamente utili poiché molte coppie di valute normalmente oscillano tra questi livelli.

Come Usare i Pivot Points Nel Trading: Calcolo

I dati necessari per il calcolo dei pivot points (riguardanti la seduta precedente) sono:

  • Prezzo Massimo (H);
  • Prezzo Minimo (L);
  • Prezzo di Chiusura (C).
  • Il Prezzo Medio (o Average Price = AP) calcolato mediante questa formula: AP = (H + L + C)/3

Da questi dati, si ricaveranno poi:

  • 1° Pivot di Supporto: S1 = (2 * AP) – H
  • 1° Pivot di Resistenza: R1 = (2 * AP) – L
  • 2° Pivot di Supporto: S2 = AP – (R1 – S1)
  • 2° Pivot di Resistenza: R2 = (AP – S1) + R1
  • 3° Pivot di Supporto: S3 = S2 – (Massimo – Minimo)
  • 3° Pivot di Resistenza: R3 = R2 + (Massimo – Minimo)

Dove “S” sta per Supporto ed “R” per resistenza. Sotto potete vedere un esempio di grafico in cui sono inseriti i pivot points.

Come Usare i Pivot Points Nel Trading

Come Usare i Pivot Points Nel Trading: Trucchi

I pivot points possono essere utilizzati in vari modi. Noi ci concentreremo su quelli più usati dai trader, ovvero quelli giornalieri. Questi verranno applicati dal grafico orario a scendere, purché ci sia abbastanza spazio sfruttabile tra un pivot e l’altro. Questo perché applicarli al grafico giornaliero o quello a 4 ore non avrebbe molto senso.

Generalmente, se il prezzo di apertura è sopra il Pivot Point centrale (o Daily PP), vi sono buone probabilità che durante il giorno non scendano al di sotto di esso, ma che si dirigano verso l’alto. Se viceversa si aprono al di sotto del Pivot Point centrale, ci sono buone probabilità che non salgano sopra di esso durante la giornata, ma che invece si tramutino in movimenti al ribasso.

Quando si investe, bisognerebbe procedere così per sfruttare al meglio i pivot points:

  • conviene acquistare quando viene superato il livello R1 con target R2, oppure sul supporto S1 con obiettivo AP;
  • conviene vendere in caso di rottura di S1 con obiettivo S2 o su R1 con target AP;
  • l’area compresa tra S1 ed R1 indica una fase di congestione;
  • il superamento dei livelli S2 ed R2 è indice che il mercato ha assunto una direzione ben precisa, ribassista o rialzista.

Di solito, i punti di pivot diventano sempre più forti (e dunque indicativi di un trend) a seconda di quante volte il prezzo rimbalza su di esso. Per chi utilizza timeframe bassi perché preferisce un forex trading intraday veloce, sarebbe opportuno aspettare una rottura di un supporto o di una resistenza fornita da un pivot per poter tradare fino a quello successivo.

Conclusioni

A causa della loro semplicità, i pivot points rappresentano sicuramente uno strumento utile da utilizzare nella vostra strategia di trading, perché consentono di vedere tutte le aree in cui è possibile che si verifichi un movimento dei prezzi.

(* I CFD sono strumenti ad alto rischio. Il 74-89% di investitori perde i propri soldi facendo trading sui CFD. Sii consapevole che potresti perdere i soldi che decidi di investire.)

Vuoi conoscere e seguire valide strategie di Trading? Ecco IL CORSO giusto!
... Dopo il Corso, allenati senza rischiare con un Conto Demo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *